Home.html
Critica/Critica.html
contatti.html
ceramiche/ceramiche.html
DISEGNI.html
Dati anagrafici: Clara Garesio nasce a Torino nel 1938.
Formazione: Frequenta a Torino la Civica Scuola di Arte Ceramica diretta da W. Corallini. Prosegue gli studi a Faenza presso l’Istituto Statale d’Arte per la Ceramica “G. Ballardini”, insieme ai compagni di corso C. Zauli, G. Spagnulo, G. Gaeta con i maestri A. Bucci, G. Liverani, A. Biancini, T. Emiliani e qui si diploma nel 1955, dopo aver conseguito il Premio della Fondazione Michele Dalmonte. L’anno successivo vince il 1° Premio al XIV Concorso Nazionale della Ceramica di Faenza (sez. studenti) e nel 1957, il Premio della Fondazione G. Ballardini; viene, inoltre, incaricata dall’Istituto della realizzazione di un servizio di piatti in maiolica decorati a mano su commissione della Corte di Persia. Sempre presso l’Istituto d’Arte Ceramica di Faenza, sezione Artistica, termina il Magistero nel 1957. 
Docenza: Nel 1957 è chiamata presso l’Istituto Statale d’Arte di Isernia per l’insegnamento della Tecnologia Ceramica e successivamente ottiene la cattedra del Disegno Professionale e la Direzione dei Laboratori della Ceramica. Nel 1960 vince il Concorso Nazionale per Decoratore e Smaltatore per la Ceramica presso l’Istituto Statale d’Arte di Castelli (TE). L’anno successivo il Ministero dell’Istruzione Artistica le affida l’avviamento del nascente Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato della Porcellana “G. Caselli” di Napoli dove insegna Decorazione della Porcellana e Plastica. Da allora ha sempre svolto attività didattica insegnando la disciplina artistica a docenti e discenti (attualmente è docente alla Fondazione Humaniter).
vai all’Attività espositiva
(mostre e musei)
attivita_espositiva/attivita_espositiva.html

Attività artistica

Clara Garesio ha sempre condotto una personale ricerca artistica nel campo della ceramica, producendo pregevoli pezzi per collezioni private e pubbliche, partecipando a prestigiose rassegne artistiche e prestando la propria decennale competenza nella formazione artistica (corsi d’arte ceramica e workshop di tecniche artistiche e decorazione presso istituti pubblici e privati). Ha inoltre lavorato per diverse prestigiose manifatture ceramiche tra le quali la Vibi di Torino, la porcellana de Palma di Capodimonte, le ceramiche Fusco di Amalfi (SA).

Nel 2005 è insignita del 1o Premio Internazionale Terra di Piemonte per la sezione Arte Ceramica e nel 2006 le è dedicata una Mostra-Premio alla Carriera dal Museo Artistico Industriale Cargaleiro di Vietri sul Mare (SA).

Da sola ed in collaborazione col marito, lo scultore Giuseppe Pirozzi, è vincitrice di concorsi nazionali per opere d’arte destinate a spazi pubblici. Ha partecipato a gruppi di progettazione per concorsi architettonici ed ha realizzato vetrate artistiche, pannelli e plastiche ornamentali per prestigiose opere di architettura civile, religiosa e commerciale (vetrata artistica nella chiesa di S. Maria di Costantinopoli – Cappella Cangiani (NA), pavimento maiolicato e bassorilievi in terracotta per la chiesa napoletana Ss. Maria del Buon Consiglio a Posillipo, quattro grandi pannelli ceramici per la facciata del centro commerciale Le Ginestre di Sapri (SA)). Inoltre, nell’ambito di progetti didattici di arte e recupero ambientale, ha curato la realizzazione di numerosi interventi di qualificazione architettonica (murales, plastiche ornamentali, pannelli decorativi).

Ha realizzato interessanti lavori di grafica, pittura e incisione. La sua inesauribile vena creativa si esprime inoltre in svariati settori delle arti minori, dalla produzione di originali complementi di arredo e abbigliamento in tessuto, alla creazione di gioielli, alla realizzazione di pannelli e sculture con materiale povero e di riciclo.

Ha prodotto pregevoli pezzi per collezioni private e prestigiose raccolte museali ed ha esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

News/News.html