Clara Garesio.“Mandala di rinascita”
Torna alla homeHome.htmlHome.htmlshapeimage_3_link_0
Torna ai VideoVIDEO.htmlVIDEO.htmlshapeimage_4_link_0
 

Mandala di Rinascita

Il mandala, simbolo della coesione perfetta e armonica delle varie parti nell'unità, è stato scelto per rappresentare l'ideale del modello sociale di società matriarcale, nella quale tutti fanno parte di una Unità, che è divina e rappresenta l'universo. Il cerchio fa riferimento - come nei cerchi megalitici, nei cerchi magici, nelle danze rituali in cerchio - alla coesione, all'unione e all'accoglienza, ma anche alla luna, alla terra e alla madre. Come nella Venere di Laussell, la Dea, indica e carezza la sua pancia rotonda, come a voler comunicare la vita che in essa si sta sviluppando, per questo motivo è associata al cerchio della luna piena, come momento culminante, che ha raggiunto la sua realizzazione. L'opera concepita da Clara Garesio per la mostra "Pandora ritrovata. Il mito riconquistato" si configura come un'istallazione avente forma di un mandala circolare ed è costituita da 120 formelle ceramiche di forma modulare modellate a mano ad altorilievo, dipinte con smalti policromi creati dall'artista e composte in un disegno unitario di 160cm di diametro.

La parola sanscrita mandala significa appunto centro, cerchio e designa immagini circolari che si possono tracciare su un piano con polveri colorate, oppure disegnare, modellare plasticamente o persino tracciare danzando. La conoscenza del mandala fu approfondita nei suoi significati da C.G. Jung, come uno degli archetipi dell'umanità, esso è infatti da sempre utilizzato presso diversi popoli da guide spirituali, monaci e sciamani come strumento pace interiore e fonte di saggezza. Nel nostro febbrile mondo multimediale, dove tutti siamo preda di forte ansia e di continue sollecitazioni, dedicare un percorso di studio e lavoro alla realizzazione di un mandala offre un contrappunto di serenità e armonizzazione. La concentrazione e la fantasia dell'artista e del fruitore-osservatore sono stimolati in modo giocoso, così da agire come occasione per recuperare quella calma interiore che è il primo passo per la diffusione di un processo più ampio e generale di pace, di armonia e di bellezza nel mondo.